Contro Il Mio Destino

La sensazione è che qualcuno abbia già scritto la tua vita. Nasci, cresci, vivi e muori. Un pezzo di carta, un lavoro sicuro, una moglie, i figli, i nipoti. Il tutto amplificato dalla provincia che non offre molto e non cerca di guardare altrove. L'uomo che si circonda di certezze soffoca e questo il nostro protagonista lo sa. Nonostante un destino che sembra già scritto, già disegnato, si può rompere tutto e dire ad alta voce che siamo sempre noi a scegliere il nostro percorso, a cercare il coraggio necessario per alimentare un sogno. Senza paura. Senza disertare.

--- Testo ---

Mannaggia alla musica e al mio mondo.

Non riesco a prendere il tempo, un paradosso per me.

E corro come un disperato ma non vi raggiungo.

Questa dannata realtà non è fatta per me.



E allora andate pure, mi fermo un attimo qui.

Sono in debito di fiato, mi riprenderò.

Solo un attimo, ho bisogno solo di un attimo,

per capire se è l’ora di svegliarmi o no.

Mannaggia alla musica e al mio sogno.

Non voglio rinnegare niente del mio passato.

Se poi è stato giusto, oppure tutto sbagliato,

sono io che pago le conseguenze, mica te.

E mi dici che lo fai per il mio bene.

Ma se me ne volessi solo un po’, mi lasceresti stare.



Io, cammino da solo su questa strada.

Dove andrò ancora non lo so.

E le mie lacrime si confondono con la pioggia che scende.

E mi maledico, povero me, che pena mi faccio,

che rabbia che ho. Io cercavo solo d’esser libero.



Mannaggia alla musica, non è stato poi tutto da buttare.

Ma mi sono stufato della mia doppia vita.

E adesso mi riprendo quel coraggio che credevo perso.

Ti affronterò, vita, a pieno petto, non ho paura.

E fai pure, buttami giù tutte le volte che vuoi.

La mia musica ancora una volta mi salverà.



Io contro il mio destino mi butterò, 

perché non ha senso restare a guardare i giorni che passano senza fiatare.

E ora io so che non butterò mai più un respiro, lo trasformerò in sorriso.

Senza paura, senza disertare…Continuerò a sognare.